Industrial Liaison Office

Reduce text Increases text RSS Elettra Print this page Send by email Linkedin YouTube

LED organici

LED Organico LED Organico

Gli OLED (Organic Light Emitting Diode o Led Organici) sono sorgenti di luce sottili, flessibili, ad alta efficienza e versatilità e con un basso consumo di energia. Una sorgente OLED può avere dimensioni molto piccole, come nel caso dei pixel di un display, ma può anche essere distribuita su di un'intera superficie come la parete di una stanza o i componenti degli interni delle automobili.

La tecnologia OLED, pur avendo tutte le caratteristiche per competere con le attuali tecnologie ad incandescenza e fluorescenza per ambire ad un utilizzo commerciale, presenta ancora alcuni ostacoli tecnici da superare. Tra questi riveste particolare rilevanza la formazione di difetti superficiali che limitano il tempo di vita di tali dispositivi.

 

Il contributo di Elettra
Ad Elettra, utilizzando il fascio di luce di sincrotrone come sorgente di raggi X ed un microscopio basato sulla fotoemissione di elettroni (lo SPEM), è stata studiata la forma, la composizione chimica e l'evoluzione nel tempo dei difetti microscopici che si formano sulla superficie di un OLED nelle diverse condizioni ambientali.

È stato quindi possibile individuare i parametri che determinano la comparsa di questi difetti, come l'esposizione all'umidità, la qualità ed i metodi di trattamento dei materiali utilizzati nella loro produzione.

La tecnica SPEM rappresenta un nuovo e potente strumento di indagine a disposizione della comunità scientifica ed industriale perché permette di ottenere una mappa sia della topografia che della composizione chimica della superficie di un campione esaminato con dettagli nanometrici.

 

Facility: Beamline ESCA Microscopy

 

Bibliografia:
Mechanism of dark-spot degradation of organic light-emitting devices; P. Melpignano, A. Baron-Toaldo, V. Biondo, S. Priante, R. Zamboni, M. Murgia, S. Caria, L. Gregoratti, A. Barinov, M. Kiskinova; Applied Physics Letters 86 (4), art. no. 041105, 2005.